Regolamento delle Sezioni Regionali

Pubblicato il

Su proposta del Direttivo Nazionale e del Presidente Nazionale
Visto lo Statuto dell’Associazione e in particolare l’articolo 4 comma 2

Si approva il seguente Regolamento:

Articolo 1

a) Sono istituite le Sezioni Regionali di ANUPI Educazione, che verranno costituite nei modi previsti dalla legge e con i poteri assegnati dal presente Regolamento.
b) Le Sezioni Regionali sono articolazioni territoriali dell’ANUPI Educazione e svolgono le loro funzioni in coerenza con gli scopi associativi.
d) La sede del Comitato Regionale è presso il domicilio del Coordinatore o in luogo comunemente definito dal Comitato Regionale, comunicato al Comitato Direttivo e pubblicato su sito web. Non è previsto a tale riguardo specifico rimborso spese.
c) Nelle regioni in cui non fosse istituita la Sezione Regionale, il Comitato Direttivo potrà nominare un Referente Regionale, scelto fra i Soci Ordinari della Regione, in qualità di Rappresentante locale dell’Associazione.

Articolo 2

Le Sezioni Regionali, in base all’art. 1 dello Statuto dell’Associazione, hanno le seguenti finalità:

1) Promuovere iniziative di servizio riservate ai soci, in collaborazione con la Segreteria Nazionale e la Redazione del sito web dell’associazione:

  • anagrafe dei soci iscritti.
  • anagrafe dei centri privati o convenzionati nei quali operano i soci dell’Associazione;
  • servizio di segreteria e informazione ai soci.
  • servizio di informazione e consulenza agli enti
  • diffusione di informative relative alla professione, alle iniziative e ai servizi messi in atto, condivisein consiglio nazionale;

2) Promuovere iniziative a carattere interno riservate ai soci, che saranno comunicate alla Segreteria Nazionale:

  • incontri e seminari interni, ecc;
  • gruppi di studio e di ricerca regionali

3) Promuovere iniziative rivolte all’esterno con la preventiva approvazione da parte del Direttivo Nazionale. Tali iniziative potranno:

  • Coinvolgere le istituzioni locali rispetto alla promozione della professione (tramite pubblicazioni suquotidiani e riviste, seminari, convegni, patrocini, ecc)
  • Affiancare altre Associazioni Professionali in iniziative che abbiano valore di scambio politico eculturale, verso la pubblica opinione e verso le istituzioni locali.

Articolo 3

a) Le iniziative e i programmi della Sezione Regionale andranno presentati e condivisi all’interno del Consiglio Nazionale dell’Associazione, o proposti al Comitato Direttivo Nazionale in forma scritta, con relativo preventivo di spesa.

b) Verranno altresì comunicati ai soci, per permettere una piena condivisione del lavoro in atto e favorire la trasmissione delle diverse esperienze:

  • durante le Assemblee Regionali e Nazionali.
  • attraverso newsletters regionali.
  • sulle pagine regionali del sito web dell’Associazione (www.anupi.it ).
  • attraverso l’apertura di una pagina facebook regionale.

Articolo 4

a) L’istituzione della Sezione Regionale avviene su iniziativa di soci residenti, che indirizzano al Presidente la richiesta d’istituzione. Il Presidente, oppure la Segreteria Nazionale, indice l’Assemblea costitutiva e la presiede, salvo che si tratti della propria Regione di appartenenza, nel qual caso la presidenza spetta ad altro socio nominato dal Comitato Direttivo Nazionale.

b) L’Assemblea elegge un Comitato Regionale composto da 3 soci, sulla base di una lista di nomi di soci disponibili ad assumere l’incarico, mediante voto personale, esprimendo due preferenze; ciascun socio potrà presentare una sola delega al voto da parte di un altro socio ordinario.

c) Sono eletti nel Comitato Regionale i 3 soci che abbiano ottenuto il maggior numero di voti personali. E’ eletto Coordinatore Regionale chi ha ottenuto il maggior numero di voti espressi. In caso di parità di voti risulterà eletto il socio più anziano rispetto all’appartenenza alla vita associativa. Qualora fosse presente un Rappresentante regionale, esso decade immediatamente e le sue funzioni sono assunte dal nuovo Coordinatore. Sono aventi diritto al voto i soci ordinari in regola con l’iscrizione che risiedono nella regione.

d) Il Comitato Regionale resta in carica per 3 anni, salvo scioglimento del Comitato disposto con delibera motivata del Comitato Direttivo Nazionale, in caso di grave violazione delle leggi, dello Statuto, dei Regolamenti dell’Associazione, ovvero di comprovata inoperatività degli organi della Sezione Regionale. Non è possibile ricandidarsi per più di tre mandati consecutivi.

e) Ogni membro del Comitato regionale assume uno specifico incarico organizzativo: a) Coordinatore e responsabile delle relazioni con gli enti, b) Responsabile della segreteria dei soci c) Responsabile Formazione. Può essere definito e formalizzato un ruolo di supporto alla comunicazione web, anche a un socio esterno al Comitato Regionale.

f) Il Comitato Regionale condivide il proprio lavoro con i soci attraverso le pagine regionali del sito web, le pagine facebook e/o newsletters.

g) Il decadimento di un membro del Comitato Regionale avviene nei seguenti casi:

  • mancato rinnovo della quota associativa
  • violazione dello Statuto e dei Regolamenti dell’Associazione
  • dimissioni volontarie, presentate attraverso comunicazione scritta, al Comitato Regionale e al Comitato Direttivo Nazionale.

Sulla decadenza di un membro del Comitato Regionale si pronuncia il Comitato Direttivo Nazionale.

Articolo 5

Le scelte operative del Comitato Regionale si sviluppano all’interno di riunioni formali, ufficialmente verbalizzate da chi svolge il ruolo di segreteria. Gli incontri via skype sono a tutti gli effetti momenti di lavoro e come tali vanno verbalizzati.

Articolo 6

a) Non avendo la Sezione Regionale personalità giuridica non è tenuta a redigere il bilancio, che quindi è totalmente integrato nel bilancio nazionale.

b) La sezione redige un preventivo di spesa e tiene un aggiornamento costante sulle spese della Sezione Regionale, in linea con quanto stabilito nel regolamento della gestione finanziaria dell’associazione nazionale.

Articolo 7

Per qualunque aspetto non contemplato dal presente regolamento vige lo Statuto dell’Associazione Nazionale.

Deliberato in data 22 giugno 2014