La Rivista di ANUPI Educazione

La PSICOMOTRICITA’ nelle diverse età della vita

Educazione Prevenzione e Formazione

In continuità con la Rivista Psicomotricità, gestita da 1997 al 2018 da ANUPI TNPEE e ANUPI Educazione  è nata nel 2019 la Nuova Rivista di ANUPI Educazione “La psicomotricità nelle diverse età della vita. Educazione, Prevenzione, Formazione” Una delle novità più importanti che la caratterizzano è che si orienta al campo educativo preventivo e formativo. E’ indirizzata agli Psicomotricisti di area socioeducativa e anche a tutti i professionisti interessati a conoscere gli apporti teorici e le applicazioni pratiche della Psicomotricità : educatori e insegnanti di ogni grado scolastico, educatori professionali e animatori,  assistenti sociali, psicologi, psicoterapeuti, neuropsichiatri, pediatri, mediatori familiari e culturali. La Rivista è naturalmente rivolta anche ai colleghi del campo riabilitativo, come i  TNPEE, i logopedisti, gli educatori di area sanitaria, i neuropsichiatri  e gli psicologi. Il Direttore della Rivista è Ferruccio Cartacci e il Comitato di  Redazione è composto da Donata Castiello, Laura Bettini, Federica Cicu e Laura Pomari I tre numeri annuali avranno la cadenza temporale abituale, marzo, giugno e novembre, con un numero misto e due numeri monotematici. Le sezioni interne  della nuova rivista sono così ‘riformulate’: L’Editoriale inquadra le tematiche via via messe a fuoco, segue il cammino dell’Associazione e presenta i contributi del numero. La Sezione Approfondimenti tematici è dedicata ad articoli “di fondo” sul tema prescelto e si apre prevalentemente alla riflessione teorico-scientifica e alla dimensione etica e sociale. La Sezione Esperienze e metodi occupa lo spazio centrale della nostra rivista, permette la condivisione di  pratiche diverse, con le loro specifiche metodologie, e si articola ulteriormente in diverse fasce d’età: perinatalità, 0-6 anni, 6 -12 anni, adolescenti, adulti, anziani. La Sezione Prevenzione apre alle tematiche del disagio e della disabilità nei contesti educativi e all’integrazione possibile tra educazione e terapia. La Sezione Ricerca accoglie contributi scientifici che possono offrire nuova fondamenta ai nostri progetti educativi e preventivi. La Sezione Formazione, ovviamente, presenta proposte formative e vuol contribuire ad implementare la conoscenza e la ricerca in questo campo. La Sezione Spazio aperto, ospita interventi teorici e pratici che provengono da campi professionali prossimi a noi, o resoconti di convegni, seminari, iniziative di nostro interesse. Infine, la Sezione Recensioni e Segnalazioni che raccoglie bibliografie, sitografie, filmografie, oltre naturalmente presentare nuovi libri in uscita. La nuova rivista che qui inauguriamo sicuramente farà tesoro dell’esperienza precedentemente accumulata nell’epoca in cui la psicomotricità educativa ha lavorato attorno alla sua specificità teorica e pratica, ma ora ha la velleità di compiere un salto: quello di intercettare quel proliferare di esperienze che nei decenni scorsi si sono avvicinate a differenti fasce d’età rispetto a quelle tradizionali: in qualche modo “declinare la psicomotricità nell’ambito delle diverse età della vita“. Lo sguardo degli psicomotricisti si sta orientando verso nuovi orizzonti: l’attenzione che abbiamo dato, da numerosi decenni di ricerca e pratica,  alle radici corporee dell’intersoggettività, oltre che dell’esperienza e dell’evoluzione personale, alla mente incorporata, alla centralità dell’azione/intenzione/emozione … si rivolge ora con più consapevolezza al fatto che queste radici non-verbali continuano a sostenerci per l’intero arco della vita, crescendo e modificandosi con noi. Non c’è vita piena senza una capacità di integrare il nostro processo evolutivo con le nostre radici psicomotorie!

  “La Psicomotricità nelle diverse età della vita: educazione, prevenzione e formazione” si pone di conseguenza l’obiettivo di arricchire il bagaglio teorico e pratico degli operatori dell’educazione e della prevenzione, che intervengono nelle istituzioni della prima infanzia e nelle scuole, ma anche in diversi contesti sociali come i ‘centri di aggregazione’ rivolti agli adolescenti, agli adulti e agli anziani, i centri occupazionali per disabili, i servizi psichiatrici e gli ospedali, dove operano nuove e vecchie figure socio-educative, ma anche i centri di accoglienza per migranti o per donne vittime di violenza. Ci poniamo nella prospettiva di tenerci aperti alla ‘dimensione internazionale’ della ricerca psicomotoria, attenti alle affinità, alle differenze e alle nuove suggestioni.

Il Direttore della Rivista  Dott. Ferruccio Cartacci

 

SUL SITO ERICKSON LA RIVISTA PSICOMOTRICITA’ 

Vai al sito della Rivista La Psicomotricità nelle diverse età della vita  

Vuoi collaborare con la Redazione?

Cari colleghi,

a nome della redazione invito le scuole e gli psicomotricisti a fornirci materiale x la Rivista La Psicomotricità nelle diverse età della vita. E’ una occasione per aggiornarci e confrontarci sul modo di operare quotidianamente!

Potete inviarci anche ESPERIENZE sulle quali potremo affiancarvi nel lavoro di scrittura, oppure IMMAGINI significative che possano accompagnare gli articoli.

Il Direttore della Rivista La Psicomotricità nelle età della vita  Ferruccio Cartacci

LA REDAZIONE DELLA RIVISTA

 

DIRETTORE FERRUCCIO CARTACCI

Psicomotricista e Psicoterapeuta della Gestalt. Dal 1978 è formatore presso Scuole triennali e Master universitari. Ha partecipato, all’esperienza delle riviste Pratica Psicomotoria, Psicomotricità e La Psicomotricità nelle diverse età della vita, prima come Redattore poi come Direttore.  E’ fondatore dello Studio di Psicoterapia e Pratica Psicomotoria di Milano. E’ autore dei testi Bambini che chiedono aiuto (Unicopli), Movimento e gioco al nido (Erickson) e La cura delle radici. ll corpo, i bambini, il futuro (in corso di pubblicazione). E’ appassionato di teatro e di natura

 

 

FEDERICA CICU

TNPEE, Psicomotricista e formatrice in ambito psicomotorio. Svolge da anni progetti di Educazione psicomotoria e Formazione agli insegnanti, conducendo percorsi di terapia individuale e di gruppo,  presso il centro La Voce del Corpo di Milano. Nutre da sempre una grande passione per il teatro e da 10 anni  opera come Clown d’ospedale  con la Fondazione Theodora Onlus. E’ co-autrice della guida Facciamo finta di.. – Il teatro a scuola tra corpo e parola (Ed. Pearson). Per nutrirsi di bellezza e di energia nutre quanto più possibile il suo amore per la natura camminando in montagna.

 

 

DONATA CASTIELLO

Psicomotricista, già docente di scuola Primaria, docente a contratto presso Unimi, Corso di Laurea TNPEE, Milano. Redattrice della rivista “La Psicomotricità nelle diverse età della vita”e curatrice della Collana editoriale “Strumenti di Psicomotricità”per Edizioni Erickson. L’impegno professionale e la ricerca teorico-metodologica che caratterizzano la mia azione in questi ultimi anni, hanno riguardato le tematiche interculturali, declinate secondo l’approccio psicomotorio,in contesti di povertà educativa minorile in ambiente altamente urbanizzato. Nell’ambito di grandi progetti, in partenariato con Comune di Milano a agenzie del terzo settore, sviluppo interventi psicomotori nei gruppi mamma-bambino nella prima infanzia, di accompagnamento delle madri per una familiarizzazione verso i Servizi educativi, e progetto azioni in campo infantile e di formazione degli adulti, all’interno di una rete strutturata che ha l’obbiettivo di favorire comportamenti sociali interculturali auto generativi.

 

LAURA BETTINI

Laureata in Filosofia della Storia, ha sempre coltivato interessi artistici e letterari. Ha lavorato negli anni Settanta e Ottanta nel teatro di figura come regista, scenografa e attrice, in Francia e in Italia. Ha fondato nel 1980 a Padova la Scuola Accamamam® di Psicomotricità relazionale, nella quale insegna e che attualmente dirige. Ha prestato consulenza presso molte istituzioni pubbliche e private per la formazione del personale educativo dell’infanzia e per l’organizzazione di servizi educativi e sociali rivolti alle diverse età della vita. Ha pubblicato nel 2017 Il linguaggio simbolico in psicomotricità relazionale (Erickson).

 

 

IDELMA PANZERI

TNPEE, Insegnante e Psicomotricista, master di 1° livello in didattica e psicopedagogia per i disturbi specifici dell’apprendimento. Ha giocato con i bambini delle scuole dell’infanzia di Milano e nel Tempo per le Famiglie di diverse scuole della Brianza, tra cui la Scuola dell’Infanzia Ponti di Vimercate, di cui è stata per anni coordinatrice, condividendo e proponendo modelli pedagogici innovativi. Ha osservato il gioco e la gestualità dei bambini, si è fatta carico dei loro bisogni e trascinare dalle loro emozioni. Ora si dedica alla lettura e collabora all’organizzazione di attività culturali nella sua città.

 

LAURA POMARI

Psicomotricista e Antropologa culturale. Progetta e conduce interventi psicomotori rivolti a bambini di Scuola dell’Infanzia e scuola Primaria, come in Centri privati di Milano e provincia. Promuove interventi di formazione psicomotoria e interculturale rivolti a insegnanti, a operatori dell’educazione e alla cittadinanza. Negli ultimi anni si è impegnata sul territorio lombardo in progetti sistemici mirati al contrasto alle povertà minorili e alla povertà educativa. A settembre 2019 con alcune colleghe ha fondato a Milano Caracol, progetto interdisciplinare per la formazione e l’intercultura. Per vocazione ha sempre messo l’incontro tra culture al centro delle sue riflessioni.

 

Hai  problemi a ricevere la rivista?

Scrivi alla Segreteria Soci per segnalare la tua situazione, in modo da comunicare al più presto il problema all’ufficio abbonamenti del Centro Studi Erickson>> info.soci@anupieducazione.it

Sei abbonato e hai problemi ad entrare nel sito?

Segui le istruzioni inserite nel file, per modificare la tua password!

accesso-siti-La-PSM-OK