Formazione di ANUPI Educazione rivolta a insegnanti, educatori e pedagogisti dei nidi e delle scuole dell’infanzia di Bologna  a.s 2020-2021                                                                                               

 

Giuseppe Nicolodi

 

ISTRUIRE O EDUCARE?

 

Istruire

vuol dire dare competenze   

Educare

vuol dire creare l’io competente

 

Perché l’incontro tra l’adulto e il bambino sia felice non basata che l’adulto sappia cosa sa, ovvero istruire ma sappia prima di tutto:

  • chi è il bambino, per incontrarlo e conoscerlo
  • chi è lui come adulto, praticando una costante autocoscienza personale, professionale ed istituzionale
  • quali strumenti può usare per incontrare i bambini, per accompagnarli nel loro processo di crescita.

Il compito dell’insegnante non è trovare giochi intelligenti ma una posizione intelligente di fronte al gioco del bambino.

1 incontro introduttivo in FAD

Insegnanti scuola dell’infanzia, educatori e pedagogisti

 

 


 

FORMAZIONE EDUCATORI NIDO – ANUPI Educazione

L’APPROCCIO PSICOMOTORIO E LA FUNZIONE EDUCATIVA E PREVENTIVA NELLA FASCIA DI ETÀ 0-3

 Angela Querzè – Educatrice e Psicomotricista ANUPI Educazione

 

Peculiarità dell’approccio psicomotorio è l’accogliere i bambini nella loro globalità e conseguentemente porre al centro della progettazione educativa il corpo, il movimento, l’azione, le interazioni dei bambini nelle relazioni con lo spazio il tempo, gli oggetti, gli altri. L’attenzione allo sviluppo psicomotorio e al movimento riveste una funzione fondamentale nella scoperta nell’integrazione delle esperienze, percettive, affettive, motorie e cognitive, favorendo lo sviluppo dell’identità, il senso di stabilità e di sicurezza, la disponibilità ad aprirsi alla relazione con l’altro. Tutti questi sono presupposti essenziali per la formazione del sé e consentono di individuare, monitorare, e in alcuni casi di far evolvere situazioni di rischio evolutivo. L’intervento psicomotorio si fonda sulla relazione interpersonale e pertanto svolge un ruolo fondamentale anche nella costruzione dei significati socialmente condivisibili e nel processo di autoregolazione. La proposta prevede di illustrare un possibile percorso di esperienza a distanza, centrato sulla conoscenza e sull’approfondimento dell’applicazione dei concetti psicomotori nelle pratiche educative del Nido. Attraverso l’uso di immagini si condurrà i partecipanti a dotarsi di strumenti osservativi psicomotori, ad esplorare con maggiore consapevolezza le proprie modalità corporee, al fornire elementi necessari atti alla promozione del gioco sensomotorio e del movimento.

NOTA ORGANIZZATIVE

Questa formazione può essere fatta prioritariamente in presenza, ma anche in FAD

Ambito formativo: 0-3 nido

Destinatari: educatori di nido e pedagogisti

In presenza: 5 incontri di 3 ore ciascuno per 20 persone

Date: 18 e 25 gennaio, 1, 8, 15, 22 febbraio 2022 – ore 15,00 . 17,30

FAD 6 incontri di 2,30 ore ciascuno per 30 persone, aggiungendo una data in fondo.

 

 


 

ANUPI Educazione

FORMAZIONE EDUCATORI NIDO 

GLI SPAZI PER GIOCARE INSIEME ALL’APERTO

Nuovi strumenti per accompagnare il gioco dei bambini

Dott.ssa Anna Ginzburg e Dott.ssa Aria Sermenghi

 

La valorizzazione in prospettiva psicomotoria degli spazi esterni del nido, oltre che promuovere la ricchezza imprescindibile del gioco spontaneo e dell’interazione quotidiana con gli elementi naturali, può essere un canale particolarmente efficace per promuovere la scoperta del mondo circostante e per sostenere l’evoluzione psicomotoria dei bambini in un periodo così importante e delicato. Può inoltre rappresentare un’opportunità per creare un circolo virtuoso di alleanze e collaborazioni con i genitori e il personale collaboratore, nel riconoscere il valore del contesto naturale e la sua cura.

CONTENUTI: La prospettiva psicomotoria sul significato dello spazio, del tempo e degli oggetti. Il valore del setting nella dimensione educativa all’aperto: analisi dei diversi spazi con un’attenta osservazione di tutte le caratteristiche e delle esigenze degli attori in gioco: bambini, insegnanti, educatori, genitori e collaboratori scolastici. L’osservazione partecipante ed il ruolo attivo degli insegnanti nel gioco dei bambini. Lo sguardo psicomotorio applicato al contesto esterno. Le implicazioni di un’area di gioco esterna. La relazione tra i bambini e lo spazio esterno, tra soggetto e dimensione gruppale. La realizzazione delle aeree di gioco: strumenti pratici ed interventi strutturanti per organizzare le proposte all’aperto; predisposizione dei luoghi e dei materiali, garantendo la sicurezza dei bambini.

NOTA ORGANIZZATIVE

Questa formazione è auspicabile in presenza, presso le Serre dei Giardini Margherita

Potrà essere realizzata anche in FAD, nel caso non sia possibile in presenza.

Formatrici: Anna Ginzburg, Pedagogista e Psicomotricista, Aria Sermenghi, Pedagogista

Ambito formativo: 0-3 nido

Destinatari: educatori di nido e pedagogisti

Capienza: 22 persone

Durata: 15 h

Calendario in presenza: 6 incontri di 2,30 ore ciascuno,

Giovedì dalle ore 15,00 alle ore 17,30 – Marzo 10 e 24, aprile 7, 21, 28 maggio 12

Calendario FAD: 6 incontri da 2,30 ciascuno

Modalità di iscrizione: Piano formativo SFI

 

 


 

 

Progetto A.G.I.O.  – ANUPI Educazione

NUOVI SPAZI PER GIOCARE INSIEME NELLA SCUOLA

Come organizzare e ri-organizzare gli spazi con sguardo psicomotorio

Dott. Claudio Buccheri e Dott.ssa Barbara Chiri – Psicomotricisti AGIO

 

La valorizzazione in prospettiva psicomotoria dei differenti spazi scolastici, oltre che promuovere la ricchezza imprescindibile del gioco spontaneo può essere un canale particolarmente efficace per valorizzare il contesto scuola e per promuovere le relazioni tra i bambini e tra i bambini e gli adulti. Può inoltre rappresentare un’opportunità per creare un circolo virtuoso di alleanze e collaborazioni tra insegnanti, educatori e genitori.

CONTENUTI: la prospettiva psicomotoria con cui vivere lo spazio, il tempo e gli oggetti – Il valore del setting nella dimensione educativa – Il ruolo dell’insegnante nel gioco dei bambini – L’osservazione partecipante e lo sguardo psicomotorio – La creazione delle aree di gioco – La relazione tra i soggetti e gli spazi – L’analisi dei diversi spazi e le esigenze degli attori in gioco: bambini, insegnanti, educatori, genitori e collaboratori scolastici. 

NOTE ORGANIZZATIVE

Potrà essere realizzata anche in FAD, nel caso non sia possibile in presenza

Formatori: Dott. Claudio Buccheri e Dott.ssa Barbara Chiri

Ambito formativo: 3-6 scuola dell’infanzia

Destinatari: insegnanti, educatori e pedagogisti

Durata: 15 h

Il giorno è il giovedì dalle 14,00 alle 17,00

Calendario in presenza: 5 incontri di 3 ore ciascuno

Capienza: 20 persone

Date CORSO 14/21/28 ottobre 4/11/17 Novembre

Calendario FAD: 6 incontri da 2,30 ciascuno

Capienza: 30 persone

Modalità di iscrizione: Piano formativo SFI

 

 


 

 

Progetto A.G.I.O.  ANUPI Educazione

GLI SPAZI PER GIOCARE INSIEME ALL’APERTO

Nuovi strumenti per interpretare e accompagnare il gioco dei bambini

nella scuola dell’infanzia

Dott.ssa Eleonora Poluzzi e Dott.ssa Antonella Benevento – Psicomotriciste AGIO

 

La valorizzazione in prospettiva psicomotoria degli spazi esterni, anche con soluzioni poco costose, di riciclo e di auto-costruzione, oltre che promuovere la ricchezza imprescindibile del gioco spontaneo e dell’interazione con gli elementi naturali, può essere un canale particolarmente efficace per valorizzare il contesto naturale e per promuovere le relazioni tra i bambini.

CONTENUTI: La prospettiva psicomotoria sul significato dello spazio, del tempo e degli oggetti. Il valore del setting nella dimensione educativa all’aperto: analisi dei diversi spazi con un’attenta osservazione di tutte le caratteristiche e delle esigenze degli attori in gioco: bambini, insegnanti, educatori, genitori e collaboratori scolastici. L’osservazione partecipante ed il ruolo attivo degli insegnanti nel gioco dei bambini. Lo sguardo psicomotorio applicato al contesto esterno. Le implicazioni di un’area di gioco esterna. La relazione tra i bambini e lo spazio esterno, tra soggetto e dimensione gruppale. La realizzazione delle aeree di gioco: strumenti pratici ed interventi strutturanti per organizzare le proposte all’aperto; predisposizione dei luoghi e dei materiali, garantendo la sicurezza dei bambini.

NOTA ORGANIZZATIVE

Questa formazione è auspicabile in presenza, individuando il luogo più opportuno. Potrà essere realizzata anche in FAD, nel caso non sia possibile in presenza.

Formatori: Eleonora Poluzzi e Antonella BeneventoPsicomotriciste

Ambito formativo: 3-6 scuola dell’infanzia

Destinatari: insegnanti della scuola dell’infanzia ed educatori

Capienza: 20 persone

Calendario in presenza: 5 incontri di n 3 ore – mercoledì ore 14,00 – 17,00

DATE I° CORSO in presenza: 20, 27 ottobre – 3, 10,17, 24 novembre

DATE II° CORSO in presenza: 19 e 26 gennaio – 2,9,16 febbraio

Calendario FAD: 6 incontri da 2,30 ciascuno aggiungendo una data in coda

Modalità di iscrizione: Piano formativo SFI

 

 


 

 

Progetto A.G.I.O.   ANUPI Educazione

E CHI SOSTIENE GLI ADULTI? Regaliamoci uno spazio per giocare!

Dott.ssa Lucia Petroni – Psicomotricista ANUPI Educazione

 

I laboratori proposti, indirizzati al personale educativo e scolastico, sono finalizzati a far rivivere e riscoprire il proprio ritmo personale, in uno spazio di movimento, gioco, ascolto, riflessione e scrittura creativa. Tale percorso ha la finalità di regalar-si giochi in movimento, dentro cui poter vivere mondi interiori inesplorati, dando spazio alla possibilità di condividere la fatica del far giocare i bambini. Questo proposta si pone come sostegno alla funzione educativa, partendo dal gioco personale e andando verso la relazione di gruppo. Nell’attività psicomotoria il giudizio legato al saper fare, al dover agire e produrre, lascia spazio alla libertà di essere, in armonica relazione con sé stessi e con gli altri.

L’approccio psicomotorio, con uno sguardo alla globalità della persona in relazione a sé e agli altri, facilita questo processo e si pone come strada efficace per favorire l’incontro reciproco. Il gruppo crea movimento, relazioni, giochi motori e simbolici accolti e trasformati in parole, disegni e scrittura. Gli oggetti con cui giocare, scelti in base alle necessità e agli obiettivi del gruppo, connotano il setting e sono usati come facilitatori e mediatori di vissuti. La scrittura finale è una possibilità di elaborazione e conoscenza personale, oltre che di riflessione su elementi che caratterizzano la professione educativa.

NOTE ORGANIZZATIVE

Questa formazione è auspicabile in presenza, individuando il luogo più opportuno.

Formatrice: Dott.ssa Lucia Petroni Insegnante, pedagogista, psicomotricista.

Coordinatrice Regionale ANUPI Educazione Emilia Romagna

Ambito formativo: 3-6 scuola dell’infanzia

Destinatari: insegnanti ed educatori.

Durata: 9 ore

Capienza: 20 persone

Calendario in presenza: 3 incontri di 3 ore ciascuno

I giorni sono: 12 novembre – 10 dicembre – 14 gennaio ore 14,30 /17,30

Modalità di iscrizione: Piano formativo SFI

 


Il catalogo completo del piano del Sistema Formativo Integrato del Comune di Bologna

Progetto Formativo Psicomotorio a cura di Luisa Formenti aluisaformenti@gmail.com

Amministrazione > ANUPI Educazione Tesoriere Renzo Sanavia tesoriere@anupieducazione.it