Bologna, 13 e 14 settembre 2014

Pubblicato il

 

LAVORI IN PLENARIA

SABATO 13 MATTINA Ore 10,00 – 13,00

 

1) Organizzazione Segreteria Amministrativa 

Viene illustrato il nuovo progetto di organizzazione della Segreteria Nazionale Amministrativa. Federica Bizzotto si occuperà dell’attività amministrativa, sarà a disposizione dei quadri dell’Associazione e in parte farà front office; inoltre collaborerà con Raffaella Valente che si occuperà maggiormente del front office. Complessivamente per i soci ci sarà un’apertura da lunedì a venerdì, per mezza giornata, mattino o pomeriggio.

L’aspetto positivo del mantenere la Segreteria di Bassano sarà la continuità della commercialista e la possibilità di avere due persone che lavorano insieme, naturalmente con la supervisione del Presidente e del Tesoriere, in piena collaborazione con le Segreterie Nazionali delle due Associazione.

Le due segretarie opereranno nei locali della Polisportiva Jonathan. Dal momento che si decide di trasferire “l’archivio storico” nel Centro di Documentazione di Bologna, lasciando solo l’archivio amministrativo a Jonathan.

 

2) Bilancio 

Si discute della quantità di lavoro che gli obiettivi e le decisioni dell’Associazione comportano per alcuni soci e della necessità di definire con più chiarezza le modalità di riconoscere questo aspetto, che risulta anche di garanzia per solidità e la continuità delle due Associazioni. Abbiamo già approvato a giugno il regolamento per la gestione finanziaria, si tratta di perfezionarlo ed integrarlo, individuando anche la forma più equa e possibile per riconoscere il lavoro che alcuni soci svolgono costantemente, su mandato dell’Associazione e che supera di gran lunga il normale e ragionevole sostegno dato a titolo volontario per la partecipazione alla vita associativa e l’adempimento dei compiti spettanti alle cariche sociali.

Per riconoscere il lavoro bisogna saper progettare le possibilità d’investimento economico, compito della Commissione Bilancio, che poi porterà le sue proposte concrete al Direttivo Nazionale. Stiamo lavorando ora sulle voci di spesa che andranno diversificate in modo chiaro, in modo da poter verificare e valutare i diversi investimenti economici, per compiere scelte precise di indirizzo. Il bilancio nel 2014 sarà ancora ANUPI, ma dal 2015 faremo due bilanci diversi, uno per Associazione.

 

3)   Centro di Documentazione e InFormazione di Bologna –  Unificazione Archivio ANUPI

 A proposito del Centro di Documentazione e InFormazione di Bologna si comunica è stato richiesto un ampliamento degli spazi a disposizione nel Centro, per consolidare la nostra attività formativa, acquisendo un’altra aula per la formazione e per accogliere la documentazione associativa, fornendo così un doppio servizio: uno spazio di formazione e un luogo dove conservare l’archivio storico dell’Associazione.

Si propone che i materiali dell’archivio storico sino ad ora conservato a Bassano e in parte a Napoli dal Presidente, siano messi presso il Centro di Documentazione di Bologna. Mantenere e ordinare questo materiale ha un significato anche per il futuro. Un centro di Documentazione è una risposta importante, con un forte significato storico.

Bologna avrà nel tempo un maggiore significato come riferimento per ANUPI Educazione, ma anche nei TNPEE c’è una grande esigenza di comprendere la storia della psicomotricità italiana, e l’interesse a fare anche una formazione psicomotoria. L’operazione di trasferimento avrà inizio nel momento in cui verrà conclusa la convenzione e si avrà una garanzia di continuità d’uso degli spazi. Sarà anche fondamentale il processo di informatizzazione del materiale e la cura da parte di persone con esperienza su archivio e documentazione.

 

4)   COMUNICAZIONE E INFORMAZIONE

 SITO WEB – Stiamo andando alla suddivisione dei due siti e delle nuove mappe dei soci. Dobbiamo ora arrivare a due domini separati, con due indirizzi chiaramente differenti. In ogni Sito metteremo anche il link dell’altro, insieme ad altri links. La cosa sarà realizzata entro il mese di ottobre.

PROFILO PERSONALE – I dati personali e professionali vengono inseriti di default dalla segreteria, che ora attiverà automaticamente l’account di tutti i soci ordinari. il curriculum deve però essere scritto dal socio direttamente.

FACEBOOK Abbiamo fatto due pagine Facebook differenti, l’originaria, quella di Anupi Nazionale, ha 1600 amici, mentre le altre due sono per ora più povere. Nei prossimi mesi non dobbiamo pubblicare più su ANUPI Nazionale, ma inviare i soci alle altre due pagine, che in ogni caso hanno già un buon numero di amici: ANUPI 500 – ANUPI Educazione 400. Per il passaggio dobbiamo preparare una newsletter e messaggi sms. Alfredo si occuperà di ANUPI e Luisa di ANUPI Educazione.

 

 

SABATO POMERIGGIO

PLENARIA: IL PROCESSO DI SUDDIVISIONE ore 14,30

Presenti: Giulio S., Eugenio, Donata, Kim, Enrica, Andrea, Giulio M., Luisa, Alfredo, Mariella, Fiorenza, Giovanna, Livia

 

4) AREA/AGENZIA FORMAZIONE

(introducono Eugenio Ghillani e Andrea Bonifacio)

Concordiamo sul fatto che si realizzi il terzo contenitore formativo una terza realtà che offre servizi di formazione e pensiero ad entrambe le Associazioni, spazio di approfondimento, ricerca e studio per il settore formativo.  Le Associazioni hanno il compito di per sé di orientare la formazione, definire le modalità di formazione, quindi è utile che ci siano persone che si occupino di questo campo in misura dominante.

Chi starebbe in quest’area ?

Responsabile Formazione – Rivista – Comitati Scientifici – Centro di Documentazione e InFormazione.

E’ possibile accogliere anche altre persone che intendano portare contributi culturali importanti. 

Finalità

  1. Luogo di pensiero e progettazione, che alimenta le due Associazioni, dando spazio agli aspetti scientifici, dei contenuti, senza trattare questioni specificamente politiche
  2. Luogo di confronto sulla formazione per cercare di realizzarla con coerenza e logica, fuori dalle mode, puntando sulla solidità dell’impianto formativo psicomotorio, in grado di recepire il nuovo;
  3. Salvaguardare i contenuti per noi importanti, attuando proposte formative che colgano gli elementi fondanti della nostra disciplina.
  4. Consolidare l’impianto formativo psicomotorio, recependo gli impulsi delle due Associazioni
  5. Essere un luogo in cui presidiare gli elementi comuni delle due Associazioni, ma anche la nostra storia comune, come punto di forza.
  6. Valorizzare culturalmente le nostre proposte formative, implementare la formazione, che ci viene richiesta ormai da tante parti.
  7. Promuovere come valore in sé la sinergia tra educazione prevenzione e terapia.

 

AZIONI

1) Valutare Bisogni formativi per dare stimoli alle Associazioni:

  • Analizzare ciò che è accaduto negli ultimi 10 anni, analizzando costi, benefici
  • Analizzare la ricaduta delle cose che abbiamo fatto (es. Congresso Riva o Convegno Milano)
  • Capire di cosa hanno bisogno i nostri studenti e i nostri professionisti.
  • Analizzare il tema della supervisione e della formazione continua.
  • Pensare alla formazione dei tutor, che diventerà un elemento nuovo importante.

2) Analizzare le Formazioni in atto e creare rete:

  • Andare ad individuare i legami che rendono più forti gli spazi già esistenti.
  • Analizzare il rapporto con Erickson; costruire una rete di rapporti ampi e continuativi
  • Valutazione delle formazioni fatte, loro impatto e ricaduta
  • Costruzione della rete dei formatori e dei tutor

3) Produrre formazione e ricerca

  • Ricevere gli impulsi dalle due Associazioni, attraverso il lavoro dei Comitati Scientifici
  • Tenere le antenne alte su tutto ciò che è clinica ed educazione.
  • Arrivare a creare e condividere dei protocolli
  • Pensare agli sviluppi futuri e creare linee guida
  • Sostenere la metodologia della ricerca, creare strumenti di ricerca digitalizzati.

La ricerca viaggia a diversi livelli, ci serve per valutare costantemente cosa stiamo facendo, insegnare ai nostri studenti a porsi domande di percorso, ad essere critici, a valutare e valutarsi. Ricerca e formazione sono strettamente collegati: valutazione, ricerca e formazione si intersecano strettamente.

4) farci conoscere di più, essere più visibili. Per essere visibile devi avere dei contenuti appetibili e facili da comunicare.

 

CONCLUSIONI: 

1)       Muoverci negli aspetti formali con grande semplicità e pulizia. Quest’anno stiamo fondando, quindi si avviano importanti passaggi, creando

          due organismi associativi ben distinti.

2)       Soffermiamoci sul processo di riorganizzazione, coinvolgendo anche nuovi colleghi e cominciando a pensare a una scuola quadri, che ci

          aiuti a dare continuità nel futuro.

3)       A inizio 2015 si faranno le assemblee per l’elezione dei nuovi organi associativi.

4)       Gradualmente prenderà poi corpo l’idea dell’organismo formativo, al quale le due associazioni cominceranno subito a lavorare.

          Convergendo verso il terzo, attraverso i Comitati Scientifici.

5)        Ci s’incontrerà poi tra le due Associazioni sugli aspetti culturali e formativi, non sulle questioni professionali, con Consigli Nazionali come

            momenti di elaborazione sui contenuti, non sulla politica associativa.

6)        La sinergia si potrà costruire in modo sempre più specifico, con gli elementi semplici di differenziazione, che tuttavia ci consentono di mantenere

           la nostra ricchezza: approccio e sguardo sul bambino, sul comportamento in ambito educativo e in ambito terapeutico.

 

5) IL PROCESSO DI SUDDIVISIONE DELLE DUE ASSOCIAZIONI

 

Tempi e modalità di chiusura del processo di riorganizzazione

Faremo due Assemblee Nazionali, differenziate, per fare in modo che siano presenti le persone realmente motivate alla specifica associazione in oggetto.

1) Faremo l’Assemblea ANUPI Sabato 10 GENNAIO 2015

2)  L’assemblea di ANUPI Educazione non ha ancora data certa, la comunicheremo al più presto!

 

 

B) TIPOLOGIA DI ORGANIZZAZIONE: FUNZIONE QUADRI E IDEE RIGUARDANTI LE CANDIDATURE

Crediamo sia importante non solo comprendere quali funzioni siano necessarie per lo sviluppo delle due Associazioni, ma anche quali persone possano essere in grado di svolgere determinati ruoli a livello nazionale, avendone la solidità.

Nelle due Assemblee dobbiamo arrivare con candidature chiare, accogliendo proposte già ben definite, che permettano il confronto tra le persone che si propongono. Dobbiamo presentare nelle elezioni qual è l’impegno personale, quali sono le mansioni e quali le responsabilità.

Verifichiamo intanto le disponibilità personali all’interno dei quadri presenti, per comprendere quali sono le risorse reali e quali da ricercare per ogni associazione.

 

I RUOLI CHE DOVRANNO ESSERE COPERTI

 

ASSOCIAZIONE ANUPI

PRESIDENTE ANUPI – elezione specifica con candidature su linee di indirizzo.

MEMBRI DEL DIRETTIVO ANUPI

Elezione complessiva con candidature specifiche su progetto.

1) Vicepresidenza

2) Segreteria Nazionale

3) Tesoriere

4) Responsabile Comunicazione

5) Responsabile Formazione  e monitoraggio ECM

COMITATO SCIENTIFICO ANUPI

Abbiamo la continuità delle candidature precedenti, verificheremo possibili nuove proposte

 

ASSOCIAZIONE ANUPI Educazione

PRESIDENTE  – elezione autonoma

ELEZIONE del DIRETTIVO

Elezione complessiva con candidature specifiche su progetto.

1) Vicepresidente

2) Tesoriere

4) Responsabile Comunicazione

5) Responsabile Formazione e monitoraggio crediti

 

COMITATO SCIENTIFICO – ANUPI Educazione

Abbiamo la continuità delle candidature precedenti, vedremo se altri colleghi porteranno la loro candidatura

 

ELEZIONI DELLE SEZIONI REGIONALI

Dopo le elezioni nazionali verranno aperte le Assemblee Regionali per elezioni delle nuove cariche rappresentative e in base ai nuovi Regolamenti

facendo emergere nuove persone in grado di creare rete sul territorio e interfacciarsi con le istituzioni, qualità che riteniamo fondamentali.

 

 

SABATO POMERIGGIO

 

DOMENICA MATTINA: ore 9,30 – 12,30

PRESSO CAMPLUS BONONIA

DOMENICA MATTINA: ore 9,30 – 12,30

 

PLENARIA TEMATICA

 

Presenti:

Giulio S., Donata, Enrica, Giulio M., Luisa, Alfredo, Mariella, Fiorenza, Giovanna, Nicoletta Riva

 

7) COLLABORAZIONE CON ERICKSON

 

RIVISTA

C’è da concordare e firmare la nuova proposta contrattuale, che è stata redatta da Erickson dopo l’incontro di luglio. Si propone di fare un nuovo incontro a novembre e firmarlo a breve, proponendo una scadenza biennale del contratto.

Si valuta anche l’ipotesi di fare la rivista digitale, informatizzando tutti numeri. L’archivio sarebbe consultabile attraverso un motore di ricerca.

Si verifica direttamente che hanno già digitalizzato tutti i numeri dal 2007 al 2013 e hanno  prodotto i DVD annuali  a 20 euro, mentre l’abbonamento al cartaceo è di 24 euro.

Pubblicità sulla rivista – Nell’incontro di luglio ANUPI ha chiesto che Erickson concordi con noi la pubblicità dei loro prodotti sulla ns. rivista, come da contratto.

Erickson ci propone anche di organizzare il Congresso ANUPI e di diventare nostro provider per le nostre iniziative dal 2016. La cosa è molto interessante e andrà valutata in particolare per ANUPI

Indicizzazione – Abbiamo sicuramente bisogno di una rivista indicizzata. La rivista così com’è strutturata è uno strumento culturale, l’indicizzazione la trasformerebbe in uno strumento anche scientifico.

Si ritiene che la Rivista debba sviluppare agganci e collaborazioni con i giovani, perchè i contenuti di molte tesi, hanno già caratteristiche che rispondono in buona misura ai requisiti per entrare in una rivista indicizzata.

Si sottolinea che è importante che si realizzi una collaborazione continuativa e un interscambio tra i Direttivi delle due Associazioni e la Rivista, che entrerà a far parte, con i Comitati Scientifici, nell’Area della Formazione

Parte a breve il lavoro di selezione dei tre articoli della Rivista da mettere sul sito, che verranno proposti anche al Direttivo Nazionale.              Lo stesso vale per l’individuazione della programmazione annuale dei contenuti della rivista, che va condivisa con il Direttivo e i Comitati Scientifici, inviando un’informativa per tutti.

Organizzazione del lavoro e razionalizzazione delle risorse interne: considerato i costi complessivi della Rivista, si richiede che venga fatta una valutazione precisa sulle risorse, per verificare se ci sono degli aspetti da migliorare o da rivedere, considerando che la Redazione si è data nel tempo un proprio assetto organizzativo, volto al miglior funzionamento sia interno che esterno, un codice di collaborazione, scambio e partecipazione.

 

COLLANE

a) COLLANA NEURO E PSICOMOTRICITA’

I curatori attuali della collana Erickson Neuro e psicomotricità sono Fabio Comunello e Paola Savini.

Comunello è disponibile, sia per la conferma del suo ruolo che per la sua sostituzione, in ogni caso ritiene importante un affiancamento, perché è utile essere in due per valutare i testi. E’ necessario inserire qualcuno del futuro Centro Studi o del Direttivo. La redazione della Rivista chiede di inserire un suo “collaboratore” per ogni collana, ci riferiranno la loro proposta nominativa dopo la riunione di lunedì 15 .

Si specifica che il ruolo del curatore della collana è colui che propone la pubblicazione di testi psicomotori e che legge le proposte che arrivano a Erickson per libri non ancora pubblicati, dando un suo parere. I curatori sono quadri dell’associazione o persone di fiducia e come tali hanno un’autonomia, che deve essere esercitata coerentemente agli indirizzi dell’associazione.

Come curatore della collana neuro e psicomotoria è necessario inserire un TNPEE che abbia esperienza in ambito sanitario e di terapia e che abbia esperienza di pubblicazione. Giovanna propone Fiorenza Broggi, la proposta della Rivista è Elisabetta Magnifico. 

 

B) COLLANA PSICOMOTRICITA’ EDUCATIVA

Si è proposta a Erickson una nuova collana di psicomotricità educativa, collega ad ANUPI Educazione e in continuità con i tre testi usciti nella collana Le guide, con un formato un po’ più grande di quello della collana neuro e psicomotricità e con copertina a sfondo blu.

I curatori proposti sono Giuseppe Nicolodi e Luisa Formenti. Nicolodi è disponibile e tutti ritengono che sia un nome importante e di valore culturale per la collana. Da parte della Rivista viene proposta Donata Castiello. Il Direttivo valuterà la scelta dei nominativi, in base alla valutazione delle diverse candidature

Proposte editoriali per la nuova collana 

a) Recupero testi storici: vi sono alcuni testi importanti che si propone di ripubblicare, perché culturalmente importanti e di ampia possibile diffusione. 

b) Prodotti nuovi: c’è una proposta di Laura Bettini

c) Testi stranieri: la Casa editrice è disponibile alla traduzione di testi stranieri ed anche a pubblicare all’estero i nostri libri.

 

CONVENZIONE

Erickson propone una convenzione per i nostri soci, che contiene agevolazioni varie per i soci rispetto all’acquisto di libri e riviste, con sconti al 15%, ma anche sconti per l’Associazione, con prezzi al 20%. Si approva la convenzione (Vedasi allegato).

8) LAVORI COMITATO SCIENTIFICO ANUPI

 Il Comitato Scientifico ANUPI relaziona sul lavoro svolto nell’ultimo periodo: un questionario destinato ai soci, per comprendere quali strumenti vengano utilizzati nell’ambito dell’osservazione-valutazione, finalizzato alla preparazione di strumenti di valutazione più puntuali e specifici per le differenti patologie.

Viene espresso anche l’interesse per il lancio di un questionario ai genitori, esperienza già sviluppata positivamente a Napoli, per poter rilevare quanti siano in grado di cogliere alcuni aspetti importanti relativi al significato delle azioni del terapista.

Il questionario per i soci verrà messo on line sul nostro sito web.

 

9) NOVITA’ ANUPI

 

Corsi di laurea

La presidente della Commissione igiene e sanità del senato riferisce che i tempi siano stati rispettati e il disegno di legge sugli ordini stia facendo il suo percorso. Il fronte universitario vede la spinta in avanti dei logopedisti e dei fisioterapisti che si sono presentati in commissione di CdL con i progetti di formazione 3+1. La nostra posizione è quella di non condividere la linea dei master professionalizzanti, ma puntare su una specialistica professionale, non di tipo manageriale.

Concordiamo sul 3 + 1 di specialistica professionale se non si vanno a toccare i profili. Dobbiamo quindi presentare una nostra proposta di contenuti, inserendo quelli che l’università non dà.

Il TNPEE è l’unica delle professioni sanitarie che non ha avuto un calo nelle richieste da parte degli studenti.

Equivalenza:

Le regioni hanno passato ora la conclusione di tutta la pratica a Roma. Il Veneto ha fatto filtro ed ha respinto alcune domande, ma non sappiamo quali criteri abbia adottato. Gli psicomotricisti che si sono rivolti a noi, quasi tutti non soci, hanno evidenziato che il discrimine è stato il monte ore delle loro formazioni. Alcune regioni hanno chiamato gli interessati per ulteriori chiarificazioni, ma il tema dominante è stato quello della difficoltà di accettare attestati di scuole totalmente private. Sarà necessario realizzare un incontro sul tema con il Ministero, perché ci sono molte persone configurate da decine di anni in campo riabilitativo, che stanno rischiando il ruolo lavorativo.

10) NOVITA’ ANUPI EDUCAZIONE

Stiamo lavorando per l’inserimento di ANUPI Educazione nell’elenco delle Associazioni Professionali riconosciute dal Ministero.

Per ora sono stati esaminati i nostri Documenti associativi, che sono stati accettati, proponendo qualche modifica migliorativa

Il Colap ci chiede anche un terzo passaggio, ovvero esplicitare le garanzie che l’Associazione offre per la Formazione Continua dei soci.

E’ necessario quindi presentare un Regolamento della FORMAZIONE CONTINUA e avviare la formazione per i soci.

Si richiede al Consiglio di riconoscere la formazione dei Laboratori di scrittura professionale e di avviare la formazione degli psicomotricisti a partire dall’1 ottobre.

Si esamina il Regolamento predisposto dal Vicepresidente ANUPI Educazione e si richiede di adottarlo in via sperimentale, affidando ulteriori precisazioni e dettagli al Direttivo Nazionale Unitario. Il Consiglio approva il documento e lo invia al Direttivo Nazionale per ultimo passaggio di delibera. (vedasi allegato)

Crediti Formativi Decidiamo che vengono richiesti ai soci 120 crediti nel triennio, 40 in un  anno, che l’associazione intende anche promuovere a prezzi contenuti.

Sarà importante nell’elezione del nuovo Direttivo Nazionale di ANUPI Educazione che venga eletta una persona che si occupi in specifico del monitoraggio della formazione.

E’ importante che vengano messe in rete le diverse proposte formative nazionali, attraverso lo strumento del sito e di Facebook.

Si propone l’inserimento del tutoring tra le voci che danno dei crediti ai soci.

 

11) VARIE ED EVENTUALI

1) Si approva il PROGRAMMA DI LAVORO del Coordinamento della BASILICATA.

2) La COMMISSIONE BILANCIO decide si ritrovarsi sabato 25 ottobre, per continuare il lavoro di stesura del regolamento, con analisi delle voci di costo. Verrà coinvolta in questo lavoro la nuova Segretaria che si occupa dell’amministrazione.

 

Il Consiglio si conclude alle ore 13,30

Verbale a cura

della Segreteria Nazionale Unitaria: Luisa Formenti

con il prezioso contributo di: Livia Laureti

e di tutti i partecipanti al Consiglio Nazionale Unitario