Gioco d’immagini – Il disegno in psicomotricità: composizione, struttura e lettura simbolica

30 ore

Monte ore totale

proposta a disposizione

Periodo svolgimento

40

Crediti attivi

--

Prezzo

Presentazione

L’esperienza del gioco psicomotorio si svolge in maniera creativa e spontanea e dà luogo a vissuti di forte pregnanza sensoriale ed emotiva. L’attività grafo-pittorica, svolta subito dopo il gioco psicomotorio, permette di dare un senso all’esperienza, rielaborarla e fissarla nella memoria, attraverso una forma espressiva che parla lo stesso linguaggio del vissuto, emotivo e solo parzialmente cosciente.
Essa corrisponde a un’elaborazione mentale che precede le forme più razionali e astratte del pensiero, come l’uso della scrittura e del codice matematico, costituisce quindi un canale espressivo genuino e immediato per qualsiasi persona e particolarmente per chi incontra delle difficoltà nella lingua parlata e scritta, come i bambini piccoli, le persone che non parlano correttamente l’italiano, quelle affette da mutismo o da disfunzioni del linguaggio, o da perdita della memoria, o altro.

Il disegno è stata la prima forma di comunicazione segnica dell’umanità, essa permette di stabilire una relazione fra la percezione di sé e del mondo e la sua raffigurazione mentale, in una forma visibile e comprensibile per gli altri.

Lo spazio bidimensionale del disegno rappresenta l’immagine dello spazio tridimensionale del mondo sensibile, che le funzioni percettive e razionali costruiscono nella mente, per questo l’uso dell’attività grafo-pittorica in psicomotricità, oltre a costituire uno strumento di rielaborazione del vissuto esperienziale, introduce e prepara il bambino alla scrittura letteraria e scientifica e aiuta l’adulto a stabilire, di volta in volta, un equilibrio fra la sua percezione del mondo e le diverse funzioni della mente.

Programma

Il Corso comprende:
1 – Una parte di pratica del disegno in psicomotricità,
durante due giornate di sabato dalle 9,30 alle 18,30 (16 ore)
2 – Una parte teorica e di rielaborazione condivisa,
durante due mattine di domenica dalle 9,30 alle 13,30 (8 ore)
3 – Una parte di studio e scrittura on-line, nell’intervallo tra un seminario e l’altro.
4 – Una parte di supervisione professionale nell’ambito del disegno, durante due pomeriggi di domenica dalle 14,30 alle 17,30 (6 ore).

1. Pratica del disegno

2 sabati dalle 9,30 alle 18,30 (16 ore)
– Lo spazio fisico del supporto e la nascita del segno motorio
– L’evoluzione del segno e della forma: l’intenzione comunicativa
– Gli strumenti, i supporti, le pressioni: concretezza ed emergenze di significato
– I colori: suggestioni ed emergenze di significato
– Il disegno emozionale
– L’immagine di sé
– L’immagine del mondo.
– Alcune immagini significative a livello simbolico: la casa, l’albero, gli animali, i mezzi di trasporto, e altre
– Le componenti spazio-temporali del disegno
– Letture simboliche condivise

2. Teoria e rielaborazione condivisa

2 domeniche dalle 9,30 alle 13,30 (8 ore)
– Proiezione e commento esemplificativo di disegni e sequenze di disegni corrispondenti ad alcuni percorsi psicomotori di minori.
– Nascita ed evoluzione dell’espressione grafo-pittorica
– Le componenti compositive e strutturali del disegno, da punto di vista psicomotorio e simbolico – L’uso e il significato dei colori
– Criteri di lettura simbolica del disegno
– Rielaborazione condivisa dell’esperienza pratica in base alle acquisizioni teoriche
– Programmazione della scrittura on-line.

3. Studio e scrittura on-line

Nella fase finale del primo seminario verranno consigliati alcuni testi, estratti di testi e dispense da studiare.
Nell’intervallo fra il primo e il secondo seminario, ogni partecipante scriverà e invierà ad un forum condiviso:

– una relazione scritta su quanto emerso dall’esperienza personale del primo seminario
– la presentazione scritta di una o più esperienze significative di disegno in ambito psicomotorio.

INFORMAZIONI GENERALI 

Spazi necessari: palestra psicomotoria. Meglio se è possibile utilizzare anche un’aula con tavoli i banchi.

Materiali necessari: Carta, scotch di carta, colori a cera, pennarelli, colori a tempera, pennelli