Bologna – Formazione Complementare in Psicomotricità Educativa e Preventiva

950 ore

Monte ore totale

marzo 2019 - settembre 2020

Periodo svolgimento

--

Crediti attivi

--

Prezzo

Presentazione

                                                                                    

Il corso è destinato a professionisti con formazione di base incompleta in psicomotricità, che intendono completare o approfondire il proprio percorso formativo in ambito educativo e preventivo, attraverso l’implementazione della formazione personale, la partecipazione a seminari tematici e stages professionalizzanti, la supervisioneSi rivolge in particolare a Esperti in Psicomotricità, Psicomotricisti e Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva.
Il percorso è stato pensato per andare incontro alle esigenze di persone che già lavorano, quindi l’impegno sarà organizzato su 23 Week endnelle giornate di sabato e domenica, da marzo 2019 a Settembre 2020, per un numero complessivo di 900 ore che comprenderanno, accanto ai week end di gruppo, ancheil tirocinio, la documentazione personale, lo studio e la supervisione.
L’accesso è possibile con una Laurea di primo e/o secondo livello in: Scienze della Formazione, Psicologia, Scienze Motorie, Scienze dell’Educazione, Terapia della Neuropsicomotricità, che deve essere accompagnata da una formazione di base in psicomotricità. Possono essere presi in esame anche altri percorsi formativi.

Iscrizioni

La domanda d’iscrizione va inviata entro il  28 febbraio 2019 via mail a: ass.muovimente@gmail.com
La domanda dovrà essere corredata da: Curriculum vitae, Copia del diploma di Laurea, attestato/i riguardante/i la formazione in psicomotricità, fotografia personale.
I colloqui di accesso saranno concordati telefonicamente. Per primo contatto inviare sms specificando l’interesse per il corso. La comunicazione degli esiti avverrà entro il 28 febbraio. 
Sede Associazione MuoviMente, in Via San Felice 107 a Bologna.

Suddivisione delle ore di formazione

192 ore
FORMAZIONE TEORICO - PRATICA

Dal gioco libero al corpo scenario di emozioni consapevoli conClaudio Buccheri 8 ore
 La gestione del gruppo in psicomotricità: osservazione e conduzione Luisa Formenti 16 ore
Gli psicomotricisti: la progettazione istituzionale e il quadro normativo di riferimento con Anton Maria Chiossone 16 ore
Le esperienze traumatiche nello sviluppo infantile con Tullia Toscani 16 ore
                                                                                  
Lo sviluppo psicomotorio e le mappe emotivo comportamentali con Mauro Vecchiato 8 ore
Spazio tempo e materiali nella simbolica psicomotoria con Sara Calzuola 8 ore
Teoria e storia della Psicomotricità con Claudio Buccheri e Eugenio Ghillani 8 ore

480 ore
FORMAZIONE PERSONALE

CORPI IN GIOCO. Le relazioni vissute nello spazio psicomotorio

Claudio Buccheri e Barbara Chiri  >   288 ore

 

BAMBINI, FAMIGLIE E CONTESTI

Luisa Formenti e Andrea Giammarco  > 142 ore

35  h

200 ore
TIROCINIO

Per ogni corsista verranno concordate le modalità con cui dovrà essere effettuato il tirocinio, tenendo presente il percorso formativo e professionale di ognuno. L’accompagnamento al Tirociniocon Supervisionesarà di 20 ore tra gruppale e individuale. Le ore di tirocinio previste saranno organizzate in un progetto individualizzato che tiene conto dell’esperienza pregressa di ogni singolo corsista. Il percorso prevede una supervisione sia individuale che di gruppo. Questa doppio registro nasce dalla nostra convinzione che sia necessario centrare l’attenzione su ogni singolo corsista per far emergere risorsee zone d’ombra, per aiutarlo a so-starenell’incertezza, a capire come il sentire sia profondamente intrecciato al comprendere e come il coinvolgimento emotivo sia alla base dell’incontro con l’Altro/a, ma anche sul gruppo come pluralità di punti di vista che diventano risorsa attraverso la messa in comune delle esperienze. Le parole-chiave che fanno da sfondo a questo percorso, caratterizzanti anche l’azione dello psicomotricista nel momento in cui propone l’esperienza psicomotoria dentro e fuori la sala: accoglienza, accompagnamento ed elaborazione.

a) Accoglienza come costruzione di ponti.Ogni corsista ha la propria personalità, la propria storia, il proprio bagaglio formativo, la propria esperienza lavorativa ed è quindi compito del supervisore coglierne l’unicità, prestando attenzione ai suoi bisogni, alle sue aspettative e alle sue predisposizioni, in un dialogo che comporta ascolto e rispetto, disponibilità alla scambio reciproco. Accogliere è pensare il luogo dell’incontro, delle relazioni. E’ un luogo che necessita di una definizione di spazi, di tempi, di “oggetti”, di emozioni, di aspettative, di desideri e di azioni tese a favorire un esserci con un corpo e una mente, esserci per condividere il senso del camminare insieme, esserci come possibilità di mettere in moto un processo trasformativo di scambio.

b) Accompagnamento per orientare verso una ricerca di connessioni.E’ un accompagnamento verso un movimento riflessivo e autoriflessivo sulle proprie emozioni, sui propri dubbi e sulle proprie paure e verso l’acquisizione di una consapevolezza che non esiste conoscenza o esperienza di vita senza una tensione emozionale.

c) Elaborazione come ricerca della teoria nella pratica.E’ una ricerca tesa alla costruzione di mappe per orientarsi nelle letture possibili dell’esperienza psicomotoria vissuta. “La mente si fa curva per accogliere l’altro” (Zambrano)

 

78 ore
DOCUMENTAZIONE PERCORSO FORMATIVO + TESI FINALE

La documentazione permette l’elaborazione dell’esperienza attraverso un processo di analisi e di sintesi in cui anche le emozioni diventano pensieri e tradotti in scrittura assumono un maggiore significato. “Scrivere non è mettere su carta una verità già trovata, ma è parte costituente di un lavoro di ricerca” (Zambrano 2012) L’elaborato finale, con modalità personali, sarà quindi un’occasione per ripensare l’esperienza di formazione, per prendere le distanze e anche per elaborare la conclusione della formazione stessa.in