ANUPI Educazione

 

 

  

ANUPI Educazione è un'Associazione Professionale 

che raccoglie PSICOMOTRICISTI di diverso orientamento formativo

in possesso di una formazione specialistica in psicomotricità di 2400 ore

 

L'Associazione ha la funzione di perseguire il riconoscimento e la valorizzazione

 della Professione degli Psicomotricisti di area socioeducativa, 

rapportandosi ai diversi Enti, pubblici e privati che si occupano di educazione e prevenzione primaria.

 

 

FINALITA' dell’ASSOCIAZIONE

 

1. Promuovere lo specifico della cultura psicomotoria in tutti gli ambiti che si occupano di sviluppo, crescita, cura e formazione della persona

2. Armonizzare l’iter formativo degli psicomotricisti promuovendo la collaborazione degli Enti pubblici e privati facendo in modo che la formazione segua lo sviluppo scientifico, giuridico e legislativo;

3. Attivare iniziative atte a coinvolgere le istituzioni locali, Comuni, Province, Regione, Ministero, Università, ecc., intorno alle problematiche della professione;

4. Affiancare altre associazioni professionali in iniziative che abbiano valore di scambio culturale e di unità di intenti verso la pubblica opinione e verso le istituzioni locali;

5. Promuovere la formazione di docenti, educatori e genitori, ed altre figure professionali, collaborando con agenzie formative ed enti pubblici e privati del territorio, che operano con le persone nei diversi ambiti, rispetto ai temi propri della cultura psicomotoria.

6. Promuovere ed istituire strumenti a tutela dell’utenza, con l’attivazione di uno sportello del cittadino ai sensi della L.4/2013;

 

 

  ANUPI Educazione è una derivazione diretta di A.N.U.P.I.

ed è nata il 24 novembre 2012,

su delibera dell'Assemblea dei soci di A.N.U.P.I.

per costituire una specifica Associazione

degli PSICOMOTRICISTI di area socio educativa.

 

 

LA STORIA di A.N.U.P.I.

Associazione Nazionale Unitaria Psicomotricisti Italiani

 

Milano 26 novembre 1987 - Fondazione di A.N.U.P.I. Associazione Nazionale Unitaria Psicomotricisti Italiani, I^ Associazione Nazionale di categoria, realtà di confronto e convergenza tra diversi psicomotricisti con differenti linee di pensiero e orientamento nella psicomotricità italiana.

Il suo scopo è stato definire un campo di azione e uno spazio di confronto specifico sull’intervento psicomotorio e delineare la figura professionale dello Psicomotricista. 

 

A.N.U.P.I. Ha promosso nel corso degli anni numerosi Congressi, nei quali ha sviluppato la teoria e la pratica della psicomotricità italiana e la sua applicazione nei diversi campi: 

 

1991 - I° Congresso Riccione - “Lo psicomotricista tra le professioni d’aiuto” 

 

1994 - II° Congresso Roma - “I segni del cambiamento in terapia psicomotoria: indicatori, strumenti, strategie

 

1997 - III° Congresso Napoli - “Movimento, Azione, Interazione: la dimensione del gioco nella pratica psicomotoria

 

1997 – Fonda a Milano la Rivista Psicomotricità, diretta da Claudio Ambrosini, che intende raccogliere le elaborazione relative all’intervento psicomotorio, integrando saperi, conoscenze e realtà esperienziali, per meglio definire una specifica metodologia di intervento e i suoi campi di applicazione. La rivista è attualmente edita dal Centro Studi Erickson e conta 2.000 abbonamenti. 

 

2001 - IV° Congresso Bassano - “Clinica della psicomotricità. Percorsi di valutazione, prevenzione e terapia”. Si comincia a parlare di Educazione e Prevenzione in psicomotricità, andando a consolidare un nuovo settore di intervento in ambito educativo e preventivo.

 

2004 - V° Congresso Napoli -  “L’azione negata: dall’inibizione all’iperattività

 

2005 - Inizia la collaborazione con il Centro Studi Erickson, per la pubblicazione del testo: Psicomotricità Educazione e Prevenzione, curato  dal Gruppo Nazionale per la progettazione e la Ricerca in ambito socioeducativo, coordinamento nazionale che coinvolge psicomotricisti di tutto il territorio nazionale, interessati a sostenere lo sviluppo della psicomotricità educativa e preventiva all’interno delle realtà educative e scolastiche, definendone principi, strumenti ed applicazioni.

 

2008 - VI° Congresso di Genova -  “Intervento Psicomotorio e Neuropsicomotricità, tra continuità e cambiamento” L'Associazione si è ormai trasformata in Associazione Nazionale Unitaria degli Psicomotricisti e dei Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell'età Evolutiva, raccogliendo anche una nuova figura professionale: il Terapista della Neuro e Psicomotricità dell'età Evolutiva, figura professionale riconosciuta con Decreto del Ministero della Sanità nel 1997 e si comincia a parlare di neuropsicomotricità, considerando in particolare l'area di intervento che si occupa delle problematiche relative allo sviluppo neuropsicomotorio.

 

2010 – Per sviluppare la comunicazione con i soci nasce il sito web di A.N.U.P.I, curato da Alfredo Cavaliere Converti e Luisa Formenti.

 

2011 - In applicazione della normativa nazionale, che richiede che le Associazioni Professionali siano rappresentative di una sola figura professionale,  A.N.U.P.I. delibera di andare verso la divisione in due Associazioni Professionali: una di area sanitaria e una di area socioeducativa.   

 

2012 - VII° Congresso, Riva del Garda -  “I saperi del corpo. Azione e interazione nello sviluppo e nella cura” ultimo congresso unitario, in cui trovano spazio le diverse aree di intervento: educazione, prevenzione, abilitazione terapia, riabilitazione e formazione. 

 

 

NASCITA di ANUPI Educazione

 

Il 24 novembre 2012, Milano - l’Assemblea dei soci A.N.U.P.I. fonda ANUPI Educazione ed elegge un Direttivo Nazionale Unitario ANUPI, che ha il compito di traghettare l'Associazione verso due realtà associative, una di area socio educativa, ed una di area sanitaria, curando gli aspetti  ordinamentali e la suddivisione del patrimonio comune. 

 

2013 - ANUPI attiva a Bologna il Centro di Documentazione e Formazione Psicomotoria, in Via Libia 53, come spazio dedicato alla documentazione storica dell'Associazione, alla divulgazione, allo studio e alla ricerca in ambito psicomotorio, per raccogliere, valorizzare e far conoscere il patrimonio psicomotorio associativo, promuovendo anche momenti di studio e ricerca comuni.  Viene nominato uno staff gestionale del progetto, con la Presidenza di Eugenio Ghillani, I° Presidente di ANUPI e una commissione composta da Jack Manfrè, Claudio Buccheri e Luisa Formenti come Responsabile del Centro per le due Associazioni.

 

2013ANUPI Educazione promuove due incontri con le Scuole di Psicomotricità, per far conoscere l’Associazione e le sue linee d’indirizzo in senso formativo, attivando il confronto sui percorsi formativi proposti. Una scelta particolarmente delicata ed innovativa che viene compiuta in questa fase è quella di collocare la formazione degli Psicomotricisti nell'ambito delle specializzazioni post laurea, rivolgendosi quindi ai laureati in Scienze della Formazione, in Scienze Psicologiche, in Scienze Motorie, in Terapia della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva, in modo da garantire alti livelli di formazione di base, sui quali andare ad inserire una specializzazione psicomotoria di 2400 ore.

 

2013 - 2014 i Rappresentanti di ANUPI Educazione appartenenti al Direttivo Unitario e al Comitato Scientifico stendono i Documenti fondativi della nuova Associazione: lo Statuto, il Profilo Professionale dello Psicomotricista di area socioeducativa, Il Codice Deontologico, l’Esame d’accesso e le sue procedure, l’Elenco Professionale degli Psicomotricisti di area socioeducativa e i diversi Regolamenti.

 

2014 - ANUPI Educazione attiva a Bologna, Milano e Padova l'esperienza dei Laboratori di scrittura professionale: Le parole sulla professione, per avviare un confronto sulla nuova identità degli psicomotricisti di area socioeducativa, per la definizione dei loro campi d’intervento e per coinvolgere nuovi colleghi verso l’apertura delle Sezioni Regionali, potendo così radicare l’Associazione nei diversi territori.

 

21 marzo 2015 - L’Assemblea dei soci elegge a Milano il Direttivo e il Comitato Scientifico di ANUPI Educazione, portando a conclusione il percorso di individuazione e separazione da ANUPI TNPEE.

 

15 giugno 2015 - Bologna, l’Assemblea dei soci approva il nuovo Statuto di ANUPI Educazione, il Profilo Professionale e il Regolamento delle Sezioni Regionali.

 

17 giugno 2015 - Bologna, insieme ad ANUPI TNPEE viene firmata a  la nuova Convenzione con Il Quartiere S.Vitale, l’Istituzione Educazione e Scuola, e la Cooperativa Quadrifoglio, per dare continuità al Centro Territoriale Psicomotorio educativo e formativo La casa sull’albero, nel quale le due Associazioni si impegnano a continuare il progetto del Centro di Documentazione e Formazione Psicomotoria. A seguito di tale convenzione viene trasferito nel Centro l’Archivio storico delle due Associazioni.

 

settembre 2015 – Viene firmata una Convenzione con il Centro Studi Erickson, per la realizzazione della collana editoriale Strumenti di Psicomotricità e Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva, diretta da Giuseppe Nicolodi, per la parte educativa e da Fabio Comunello, per la parte riabilitativa e terapeutica.  La collana ha prodotto sinora 10 testi.

 

ANUPI Educazione nel corso di questi 5 anni ha stabilito rapporti di collaborazione formativa con diverse Scuole e Istituzioni locali preposte all'educazione, in particolare nella fascia 0/6, ha attivato collaborazioni in particolare con i Comuni di Genova e Bologna, firmando specifiche convenzioni riguardanti la formazione degli operatori dei nidi e delle scuole dell’infanzia.

 

Giugno 2016 - Il Centro di Documentazione e Formazione Psicomotoria di Bologna ha avuto il riconoscimento della Regione Emilia Romagna come "Centro Servizi e Consulenza per le Scuole dell’Emilia Romagna", attivandosi in questa prima fase nel raccogliere la Documentazione Nazionale e nello svolgere un servizio d’informazione telefonica per le famiglie, per gli studenti e per gli psicomotricisti.

 

2016 - ANUPI Educazione ha realizzato a Torino una Convenzione con IUS-To Università Salesiana di Torino, a favore dello sviluppo della formazione e della ricerca, realizzando due Seminari nazionali e internazionali:

  • 8 ottobre 2016 – Costruire l’alleanza: trame e modi del prendersi cura dell’infanzia - Nazionale
  • 26, 27 e 28 maggio 2017 – La Psicomotricità nel ciclo di vita – Internazionale. 

  

Dal 2015 sono nate 5 Sezioni Regionali di ANUPI Educazione.

  • 12 dicembre 2015 - Veneto
  • 18 giugno 2016 - Lombardia 
  • 18 marzo 2017 - Piemonte
  • 6 maggio 2017 - Friuli Venezia Giulia
  • 16 settembre 2017 - Emilia Romagna

In altre regioni, come la Basilicata, la Campania, il Lazio, la Liguria, l'Abruzzo, la Toscana e le Marche, dove sono presenti soci di ANUPI Educazione, sono stati nominati i Referenti Regionali, con il ruolo di rappresentare l'Associazione e divenire il punto di riferimento degli psicomotricisti di ANUPI Educazione sul territorio.                                                                                           

Tutti i materiali relativi alle regioni sono all'interno del sito, alla voce Sezioni Regionali.

 

 

Ricostruzione storica a cura della Segreteria Nazionale di ANUPI Educazione

 

ULTERIORI DOCUMENTI DALL'ARCHIVIO di A.N.U.P.I.

>>    https://www.anupieducazione.it/storia-dell-anupi-chi-siamo.html

 

 


 

 

Le Sezioni Regionali 

 

ANUPI Educazione si articola in Sezioni Regionali, che svolgono la loro funzione in coerenza con gli scopi associativi, promuovendo iniziative riservate ai soci, ma anche iniziative rivolte all’esterno, con la preventiva approvazione da parte del Direttivo Nazionale.

Le Sezioni Regionali sono articolazioni territoriali dell’ANUPI Educazione e svolgono le loro funzioni in coerenza con gli scopi associativi. Nelle regioni in cui non fosse istituita la Sezione Regionale, il Comitato Direttivo potrà nominare un Referente Regionale, scelto fra i Soci Ordinari della Regione, in qualità di Rappresentante locale dell’Associazione.

Le Sezioni Regionali, in base all’art. 1 dello Statuto dell’Associazione, hanno le seguenti finalità:

1) Promuovere iniziative di servizio riservate ai soci, in collaborazione con la Segreteria Nazionale e la Redazione del sito web dell’associazione:

2) Promuovere iniziative a carattere interno riservate ai soci, che saranno comunicate alla Segreteria Nazionale:

3) Promuovere iniziative rivolte all’esterno, con la preventiva approvazione da parte del Direttivo Nazionale.