Legge 4 gennaio 2013

 Relazione del Presidente di ANUPI Educazione 

 

 

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PROFESSIONI NON ORGANIZZATE

 

Nell’attuale scenario politico nazionale,

il varo della legge 4/2013. “Legge sulle professioni non regolamentate” comporta per noi un passaggio significativo.

Apprezziamo il fatto che la nuova legge porti finalmente  un riconoscimento normativo di quei colleghi che lavorano come PSICOMOTRICISTI in ambito libero professionale. 

La legge prevede infatti la valorizzazione di tutti quei PROFESSIONISTI NON REGOLAMENTATI, che accanto ai professionisti iscritti agli ordini professionali, agli artigiani, ai lavoratori dipendenti e agli imprenditori, rappresentano il mondo produttivo del paese.

 

 

La legge sancisce che le attività dei suddetti professionisti sono libere, ma limitate a specifici ambiti, “con esclusione delle attività riservate per legge a soggetti iscritti in albi o elenchi ai sensi dell’articolo 2229 del Codice civile, delle professioni sanitarie e delle attività e dei mestieri artigianali, commerciali e di pubblico esercizio disciplinati da specifiche normative” contrastando in questo modo ogni possibile sovrapposizione con le Professioni Sanitarie.

Sancisce inoltre, a garanzia dell’utenza, che i professionisti debbano dichiarare esplicitamente e per iscritto ai loro clienti che la propria è una “attività disciplinata ai sensi della Legge n° 4 del 14 gennaio 2013”.

 

Libere Professioni

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI

PROFESSIONI NON ORGANIZZATE IN ORDINI O COLLEGI

Testo del Disegno di legge recante DISPOSIZIONI IN MATERIA DI PROFESSIONI NON ORGANIZZATE IN ORDINI O COLLEGI (approvato definitivamente dalla Camera il 19 dicembre 2012)